Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

COMUNICATO

Il Presidente Napolitano ha ricevuto il Sottosegretario Gianni Letta che gli ha consegnato un testo originale della Costituzione

C o m u n i c a t o

E' stato consegnato oggi al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dal Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, Gianni Letta, alla presenza dei Segretari generali del Quirinale, Donato Marra, e di Palazzo Chigi, Manlio Strano, uno dei tre originali della Costituzione italiana firmati dal Presidente della Repubblica Enrico De Nicola, controfirmati dal Presidente dell'Assemblea Costituente, Umberto Terracini, e dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Alcide De Gasperi, e vistati dal Guardasigilli Giuseppe Grassi.

Si tratta dell'esemplare inviato al presidente del Consiglio, Alcide De Gasperi, dal capo di gabinetto della Presidenza della Repubblica, Umberto Collamarini, lo stesso giorno della firma della Costituzione, il 27 dicembre 1947, quando ancora non era stato deciso che la Presidenza della Repubblica avrebbe avuto come sede il Quirinale. Gli altri due esemplari furono trasmessi in pari data a Umberto Terracini, Presidente dell'Assemblea Costituente, e a Giuseppe Grassi, Ministro di Grazia e giustizia. Il Guardasigilli provvide a inserire, secondo il dettato costituzionale, l'esemplare a lui pervenuto nella Raccolta ufficiale delle leggi e decreti , istituzionalmente conservata presso l'Archivio centrale dello Stato; l'esemplare inviato a Terracini, fu incluso nel fondo archivistico Assemblea costituente. Atti di presidenza , ed è conservato presso l'Archivio storico della Camera dei deputati.

La Presidenza del Consiglio dei ministri ha così accolto la richiesta del Presidente della Repubblica di consegnare l'esemplare della Costituzione in suo possesso considerando l'alto valore simbolico del documento e la funzione di garanzia istituzionale del Presidente della Repubblica.

Il Capo dello Stato ha espresso il proprio apprezzamento per la sensibilità dimostrata con questo gesto dal Presidente del Consiglio.

L'importante documento sarà custodito nella nuova sede dell'Archivio storico della Presidenza della Repubblica che sarà inaugurata domani.

Roma, 24 giugno 2009