Presidenza della Repubblica

menu di navigazione

COMUNICATO

Dichiarazione del Presidente Napolitano sulla scomparsa del sen. Maurizio Valenzi

C o m u n i c a t o

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha rilasciato la seguente dichiarazione sulla scomparsa del sen. Maurizio Valenzi:

"E' un momento di grande dolore per me e per mia moglie Clio, perché siamo stati insieme, per decenni, legati profondamente sul piano umano, in un rapporto di affettuosa amicizia e simpatia, a Maurizio, a Litza e ai loro figli. Della sensibilità, della gentilezza e schiettezza di Maurizio Valenzi possono essere testimoni tutti coloro che l'hanno conosciuto ; intenso e forte è stato il suo legame con la base popolare, e non comune la sua capacità di rapporto con ogni ambiente sociale, con persone di ogni condizione e opinione. Maurizio, non napoletano, aveva saputo identificarsi con Napoli come forse potevano solo quelli che ne avessero condiviso gli anni terribili dell'immediato dopoguerra ; aveva combattuto con vigore la battaglia - così duramente controcorrente a Napoli - per la Repubblica, e si era poi immerso interamente nell'attività di partito e politica, fino all'elezione in Senato e soprattutto fino alla prova più alta, quella che diede da sindaco, amato e, anche per la sua splendida figura morale, da tutti rispettato. E resta esemplare il percorso di Maurizio, per come seppe combinare una inesauribile passione politica, una incrollabile fermezza e coerenza di posizioni, con l'assenza di settarismo e aggressività, col rispetto per le altrui posizioni, con lo spirito di apertura e di dialogo verso gli avversari non meno che verso gli alleati. E in questo suo temperamento si avvertiva anche l'influsso della componente artistica - rimasta nello sfondo e poi riemersa - della sua personalità.

Napoli e l'Italia, la politica e la società avrebbero estremo bisogno, oggi, di uomini come Maurizio Valenzi : c'è da augurarsi che il suo esempio, se si saprà coltivarne la memoria, contribuisca a farne emergere di nuovi".

Roma, 24 giugno 2009

elementi correlati